<<Quann t’apprumettn u puorc curr subt cu a fungell>> (quando ti promettono il maiale corri subito con la fune) è un altro classico della cultura subalterna. Il senso è che, nella consapevolezza che <<passato il santo finisce la festa>>, un altro preverbio che può essere considerato un sinonimo del primo, quando ti offrono qualcosa corri subito a ritirarla, non aspettare il giorno dopo, potresti scoprire che si è volatilizzata. Purtroppo la memoria è volatile e, soprattutto quando fa comodo, tende a dimenticare… pertanto, nulla di più facile che una volta ottenuto da qualcuno la cosa che si desidera, ci si dimentica delle promesse fatte per ottenerla.

   Sostanzialmente, cessato l’effetto stimolante, esso non ha più efficacia. Ricordo che da ragazzi, c’era l’abitudine, durante le feste natalizie e pasquali, di recarci, i miei amici ed io, a casa dei nonni e degli zii per fare gli auguri con la speranza di ricevere in regalo qualche soldino. Stavamo bene attenti a non rimandare la visita perché se si andava il giorno dopo, essendo la festa trascorsa, i “cari parenti” non avvertivano più il dovere di elargire la regalia come era consuetudine.

   Un altro rinforzo di questo concetto è il detto: <<Batti il ferro finché è caldo>> Anche in questo caso il senso è palese: se il ferro si raffredda non lo puoi più modellare. Morale della favola: <<Chi ha tempo non aspetti tempo>> e <<ogni cosa a suo tempo>> E se ci fosse ancora qualche dubbio voglio ricordare, e chiudo, che <<chi dorme non piglia pesci>>.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...