Il nostro giudizio dipende dalla prospettiva dalla quale si guardano le cose. Prendiamo la neve, ad esempio. Quando si è bambini e la coltre bianca copre ogni cosa, l’allegria si impadronisce di noi. Ci rincorriamo con i nostri compagni ebbri di felicità, ci tiriamo palle di neve ingaggiando vere e proprie battaglie, facciamo il pupazzo di neve, ecc. Quando poi giunge la vecchiaia, cambiata la prospettiva cambia il giudizio. Ci si dimentica del lato ludico e il pensiero corre su di un altro binario. Si ha paura di rimanere isolati, che possano mancare l’acqua e la corrente, che ci si possa sentire male e l’ambulanza non può raggiungerci, che si possa rimanere senza scorte di viveri ed altre amenità del genere.

3 pensieri riguardo “Il nostro giudizio

  1. Dove vivo io non nevica mai, un tempo nevicava quasi tutti gli inverni, ora non più. E certo, quando succede, penso alle difficoltà che la neve comporta per una città che non le è abituata, ma devo confessare che ancora adesso se la vedo scendere in una sera invernale sto a guardarla incantata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...