Ogni giorno siamo bombardati da obblighi e doveri da osservare, scadenze tassative da rispettare, aspettative altrui che gravano su di noi e che alla lunga generano una pressione molto forte, con conseguente appannamento della nostra soggettività.

È proprio in questo caso che dobbiamo fermarci a riflettere ed iniziare un viaggio introspettivo che ci aiuti a recuperare la consapevolezza di ciò che siamo, dei nostri sentimenti e delle nostre emozioni (sia positive che negative) relative agli eventi che stiamo vivendo o abbiamo vissuto. Per fare ciò è necessario prendersi del tempo per noi stessi scegliendo un luogo tranquillo che riesca a conciliare concentrazione e relax, limitando al massimo ogni possibile fonte di disturbo.

Già il filosofo Socrate sottolineò l’importanza dell’introspezione, in quanto metodo di esplorazione dell’animo umano, considerandolo un mezzo per prendere atto della nostra esistenza: solo attraverso la conoscenza di sé e dei propri limiti l’uomo diventa sapiente e moralmente elevato.

Guardarsi dentro significa andare ad esplorare la parte più recondita, profonda e privata di noi stessi, in cui possiamo trovare delle risposte che mai prima d’ora siamo riusciti ad ottenere. Ci aiuta a capire ciò che realmente desideriamo, andando a scavare nelle nostre paure e nei nostri sentimenti, promuovendo la nostra crescita personale.

Dopo aver fatto gradualmente nostra l’abilità di autocontrollo e autoregolazione delle nostre emozioni, impariamo a ridurre i livelli di tensione psico-fisiologica e quindi ansia e stress.

L’autoriflessione ci incoraggia a prendere decisioni migliori e mirate, a meditare sugli errori commessi e sulle occasioni mancate, o semplicemente su ciò che ci farebbe sentire realizzati. Insomma, possiamo definirla un vero e proprio risveglio della coscienza.

Ma non è un percorso facile. Infatti, nel momento in cui realizziamo di aver intrapreso un cammino di ripiego, rispetto alle nostre reali aspirazioni, può succedere di entrare in conflitto con noi stessi e di dubitare delle scelte fatte.

Troveremo sempre persone che, in un modo o nell’altro, si sono imbattuti nei paradossi della vita come, ad esempio, chi è costretto a seguire un corso di studio non desiderato e chi, invece, dopo aver studiato ciò che più amava, ha dovuto accontentarsi di un lavoro di tutt’altro tipo.

Ricordi, rimorsi, pentimenti processati come fallimenti, non devono però prendere il sopravvento e scaraventarci in un turbine di emozioni contrastanti.

È opportuno, quindi, dialogare con se stessi con chiarezza ed onestà, agendo in base a ciò che realmente vogliamo dalla vita. Nel caso in cui questo sia impossibile, per un motivo o per un altro, bisogna raccogliere tutta la forza interiore per poter percorrere la strada imboccata, con animo scevro da qualsiasi rammarico.

L’introspezione è un viaggio che ognuno di noi compie verso la consapevolezza della propria natura e dei propri scopi, che permette un maggior controllo dei nostri pensieri e convoglia dentro di noi energia positiva che migliora la propria motivazione personale. Ci aiuta a capire quali siano i nostri reali bisogni e dà la possibilità di riflettere anche sulle persone che ci circondano e sulle eventuali relazioni per noi tossiche. Infine, l’introspezione rende possibile la rappresentazione di un problema, a prima vista complesso e irrisolvibile, in indicatori più semplici e concreti che, presi singolarmente, possono essere analizzati e risolti.

Per mezzo di questo processo meditativo, quindi, acquisiremo le capacità per affrontare le sfide considerate da sempre impossibili e la capacità di conoscerci meglio, accettandoci e volendoci bene per ciò che siamo.

“Solo io posso giudicarmi. Io so il mio passato, io so il motivo delle mie scelte, io so quello che ho dentro. Io so quanto ho sofferto, io so quanto posso essere forte e fragile, io e nessun altro.”

Oscar Wilde

Dott.ssa Carminia Lavorgna

2 pensieri riguardo “Volersi bene: un viaggio introspettivo alla ricerca di se stessi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...